Le mie priorità

20130701_171539

Ferma restando la prima regola del MoVimento “uno conta uno“, che vale ovviamente (se non di più) anche per i candidati e consiglieri eletti, penso che la città dovrebbe ripartire da cinque punti fondamentali:

  1. Mobilità sostenibile.
  2. Rifiuti Zero.
  3. Stop al consumo di suolo e valorizzazione delle aree verdi.
  4. Risparmio energetico ed energie rinnovabili.
  5. Decoro urbano, lotta al degrado e all’abusivismo.

6 replies

  1. buonasera, il 628 salta la corse mattutine delle 8:15 e successiva….da almeno 15 gg…..è un’ecatombe

  2. praticamente le stesse priorità del PD

  3. Buongiorno dott. Stefano, le avevo già scritto ma forse nel posto sbagliato.
    Mi permetto suggerire di rinnovare la flotta atac puntando sui mezzi meno inquinanti dei diesel euro 6 e diesel ibridi euro 6 e cioè quelli a metano euro 6.
    Tali mezzi miglioreranno anche le spese di esercizio vista la necessità di minore manutenzione, il minore costo carburante, assenza di PM10 del motore a metano di cui in Italia c’è l’avanguardia tecnica.
    Inoltre non ci saranno filtri FAP o SCR da smaltire, nessun consumo di urea, ecc. L’autobus a metano è anche più silenzioso di uno diesel.
    Il passaggio al metano dovrebbe avvenire anche con il turnover degli automezzi comunali. (auto di servizio e della polizia municipale)
    Può leggere nel link che allego le cose di cui parlo
    https://www.metanoauto.com/modules.php?name=News&file=article&sid=7823
    Allego anche un prospetto sui costi di esercizio
    https://michelebolzano.files.wordpress.com/2014/02/biomaster_trentino_trasporti_ing_giacomelli_23012014.jpg
    Grazie per l’attenzione.

  4. mobilità sostenibile? ossi bici e mezzi pubblici, no alle auto. Tipico di chi ha orari dilatati e non deve prendere i figli a scuola e portarli con zaini e borse a fare sport, di chi non fa la spesa per la famiglia… a proposito ho saputo che per andare al discount dovrò attraversare ill varco e pagare. La città fruita solo dai ricchi. Una vera idiozia. Utilizzare i mezzi pubblici deve essere una convenienza non un imposizione. Non si può applicare la sostenibilità nell’immediato. Si prepara da oggi per ottenerla tra 10 anni a efficientamento effettuato.

  5. Buongiorno,
    leggo con orrore la decisione di far pagare la sosta anche ai residenti in alcune zona di Roma (https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/11/16/roma-in-alcune-zone-del-centro-citta-si-va-verso-il-pagamento-della-sosta-auto-anche-per-i-residenti/4768666/#cComments). La mobilità sostenibile non si ottiene in questo modo, ma facendo funzionare i trasporti pubblici. Quando le persone avranno la possibilità di muoversi velocemente e con certezza da una parte all’altra della città allora si potrà cercare di ridurre il numero delle macchine.
    State solo cercando di spremere i cittadini che già pagano le tasse comunali più alte d’Italia e intanto fate i condoni alla gente che non paga le tasse. Complimenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: